appunti di vista


Incontro n°1 – Ivan Poesia Viva

manifesto-ivan

Inizia il 1 aprile 2009 il ciclo di incontri “Dimenticare a memoria” e a rompere il ghiaccio ci penserà Ivan poeta-artista.

Ivan nasce il 12 maggio 1981 nel quartiere della Barona, alla periferia sud di Milano. Studente della Facoltà di Sociologia in Bicocca, da sempre attento all’arte e alla società, fonda nel 2002 un laboratorio studentesco finalizzato ad una ricerca didattica sperimentale, promuove una rete di collettivi universitari e collabora come redattore per il quotidiano on line PeaceReporter e come dj per la Postumia Vibes. Dall’estate 2003 assalta la strada a colpi di poesia, dipingendo e affiggendo per le vie di Milano alcune tra le sue poesie che presto raccolgono l’attenzione di cittadini, media e quotidiani. Ad oggi ivan è considerato il riferimento principale per il neonato movimento della Poesia di Strada, “agire poesia” che propone e promuove nuove tecniche e contenuti d’una poetica che spezza il confine elitario della poesia e che si diffonde liberamente in piazza, nelle strade, tra la gente. Dal suo soggiorno, nel dicembre 2003, in diverse comunità ribelli e zapatiste del Chiapas, nasce “Immensa Mexico”, reading poetico visuale alla sua sesta replica, nel quale poesia, racconto e immagini si intrecciano e s’accompagnano. Nell’ottobre del 2006 è invitato da alcuni dei maggiori poeti italiani contemporanei a presentare il proprio “Assalto Poetico” alla Casa della Poesia di Milano. Nel marzo 2007 è tra i protagonisti ed organizzatori di “Street Art Sweet Art” nel giugno dello stesso anno è invitato, come unica rappresentanza per l’Italia, al XII Festival Internazionale della Poesia dell’Avana, Cuba. Negli ultimi due anni è stato invitato ad esporre e agire poesia al Mart di Rovereto, al Padiglione di Arte Contemporanea di Milano, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, al Tina.B Festival di Praga, alla Byblos Art Gallery a Verona, a Palazzo Sassi a Sondrio, a Fabbrica Borroni a Milano, a Faqra in Libano, a Cité du Soleil a Port au Prince (Haiti) e presso la Basilica di San Francisco a La Habana Cuba.

Annunci

9 commenti so far
Lascia un commento

Salve, sono rimasto entusiasmato dall’incontro con Ivan di ieri, in aula non volava una mosca quindi ha l’attenzione di tutti. Ha toccato temi molto interessanti e ci ha mostrato il volto della nuova poesia. Se ci fossero altri interventi del genere sarei veramente interessato a seguirli.

Commento di Luca

Luca credo che tutto il corso sarà così! Come avrai notato abbiamo un modo di pensare “particolare” e abbiamo anche la voglia di condividere/confrontare informazioni e punti di vista … partendo da questa selezionare di persone interessanti che “raccolgono i nostri/vostri semi” e li fanno diventare degli stupendi giardini.

Finisco con un piccola citazione in omaggio all’amico Ivan:
“Troverai più nei boschi che nei libri” (Bernardo di Chiaravalle)

Commento di appuntidivista

Bè..sono rimasta molto pensierosa dopo l’intervento di Ivan..Ci troviamo a contatto con una realtà che ci fa correre da una parte all’altra, razionalmente, senza fermarci un attimo per sorridere della vita e assaporarne le cose semplici come alcune parole. La poesia di Ivan per un attimo mi ha fermata…..Grazie di aver organizzato questo intervento.

Commento di AliCe

salve,ho aspettato a scrivere per metabolizzare le parole di Ivan, ho provato a spiegare ad altre persone della mia vita le teorie e i pensieri di questo “poeta” e mi sono stupito di come nessuno mi abbia veramente compreso come io ho compreso lui. Volevo solo dire che per fortuna mia spesso la penso come lui, non del tutto a volte..certo si capiva che aveva studiato sociologia, dai suoi discorsi e dalle sue ragioni e credo che cio’ che muove “il mio modo di progettare e vedere le cose che faccio” sia per la mia società, per le mie persone, per chi ha meno di me e per tutti quelli che con un minimo di ragionamento in piu’ durante la progettazione avrebbero una vita MOLTO migliore, cercando di non fare caserme o luoghi dove l’uomo si vergogna di vivere..DICIAMO CHE CERCO DI CREARE LUOGHI DOVE IVAN NON SCRIVERà 🙂 anche se cio’ che scrive mi piace e mi colpisce…
grazie

Commento di Michele

salve,ho aspettato a scrivere per metabolizzare le parole di Ivan, ho provato a spiegare ad altre persone della mia vita le teorie e i pensieri di questo “poeta” e mi sono stupito di come nessuno mi abbia veramente compreso come io ho compreso lui. Volevo solo dire che per fortuna mia spesso la penso come lui, non del tutto a volte..certo si capiva che aveva studiato sociologia, dai suoi discorsi e dalle sue ragioni e credo che cio’ che muove “il mio modo di progettare e vedere le cose che faccio” sia per la mia società, per le mie persone, per chi ha meno di me e per tutti quelli che con un minimo di ragionamento in piu’ durante la progettazione avrebbero una vita MOLTO migliore, cercando di non fare caserme o luoghi dove l’uomo si vergogna di vivere..DICIAMO CHE CERCO DI CREARE LUOGHI DOVE IVAN NON SCRIVERà 🙂 anche se cio’ che scrive mi piace e mi colpisce…
grazie

Commento di Michele

Anche io, come molti, sono rimasta attratta dai discorsi di questo ragazzo così apparentemente lontano da noi, ma che in realtà credo ci sia molto più vicino di quanto superficialmente si possa pensare. Chissà, forse era semplicemente la novità. Ma una cosa devo riconoscergli. Finito l’incontro, è nata tra di noi una sorta di discussione, di confronto e scambio di pensieri. Al di là che la visione di Ivan venga condivisa o meno, criticabile o apprezzabile, il suo intervento ha creato spontaneamente l’occasione per un dibattito su questi temi e altri correlati. Non abbiamo chiuso i quaderni e pensato solo a dove andare a pranzare, ne abbiamo parlato tra di noi e ognuno, con le proprie idee, ha arricchito l’altro. Credo che questo si chiami opportunità.

Commento di Giovanna

Mi fa molto piacere che siate rimasti colpiti da Ivan…è una delle persone che fa pensare in maniera alternativa e non superficiale tutti i tipi di persone.

Spero che questo corso vi arricchisca e vi faccia “portare a casa” qualcosa come il vostro professore ha fatto con me l’anno scorso…E PENSATE CHE IO CON DAVIDE CI HO LITIGATO DI BRUTTO!!!^___^

Come avrete capito non siamo malvagi…giusto un attimino strani eheheh

a mercoledì, Vittorio

Commento di vittorio

veramente illuminante la lezione di mercoledì scorso…!!!!
ci ha avvicinato a temi che non sono solo di Architettura ma anche di vita quotidiana…di rapporti,relazioni tra persone diverse, di età diverse, di mondi diversi.. ma che hanno come comune denominatore la convivenza.
mercoledì sera mi sono trovata a parlare di i.v.a.n. con amici: la lezione mi aveva proprio colpito!!!
..devo dire che le reazioni sono state totalmente diverse tra loro…..

chissà cosa succederà domani!!!=PPP
resto nel panico…ma con una curiosità immensa!!!

Commento di maddy1.0

ecco come fanno gli altri

Commento di Nadia




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: