appunti di vista


Dall’idea al progetto

concept

Vi lasciamo la lezione del 25 marzo che descrive i vari passaggi logici da fare per passare dall’idea fino al progetto.

presentazione_concept

Annunci

6 commenti so far
Lascia un commento

E’ possibile avere una bibliografia dei libri citati dal Prof. Crippa nella prima parte della lezione? Per intenderci quella sul pensiero laterale di De bono e le slide su Giò Ponti, Munari, ecc..

Commento di Gianguido Carrubba

Eccovi qualche libro di quelli citati:
Il pensiero laterale / Edward de Bono ; traduzione di Mario Carelli. – Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 1981.
Cento lettere / Gio Ponti ; a cura di ; prefazione di Joseph Rykwert. – Milano : Rosellina Archinto, 1994.
Da cosa nasce cosa : appunti per una metodologia progettuale / Bruno Munari. – Roma ; Bari : Laterza, 1981.
Fantasia / Bruno Munari. – Roma ; Bari : Laterza, 1995.
Ettore Sottsass : Metafore / a cura di Milco Carboni e Barbara Radice. – Milano : Skira, 2002.

Commento di appuntidivista

Non sono riuscito a trovare immagini delle spray houses di John Johansen, nè tantomeno informazioni su emmezero (anche perchè non so come si scriva di preciso),se qualcuno mi può dare indicazioni…ecco una casa che assomiglia al polipo..
http://www.bookofjoe.com/2005/05/antti_lovag_bub.html

Commento di mattia

Entrami i progetti citati (come molti altri) li trovi su: “Modello, informatica e progetto di architettura” di Davide Crippa e Barbara Di Prete – Edizioni Clup, Segrate 2005.
Trovi un link al libro nel nostro sito http://www.ghigos.com/wp/?p=109 mentre per ma0 guarda qui http://architettura.supereva.com/architetture/20040130/index.htm e anche qui http://architettura.supereva.com/playgrounds/20050717/index.htm.

Commento di appuntidivista

Solo due lezioni e sono già sconvolta: partendo dal tema(“ridimenticare a memoria”) fino alle modalità di ricerca e produzione del progetto…
tutto un altro mondo per chi proviene da Edilizia!!!!!

Commento di maddy1.0

per la studentessa di Edilizia…spero tanto che tu capisca che questi mondi non sono compartimenti stagni che non possono avere punti di contatto anzi; l’età contemporanea, essedo “fluida” (come diceva quella vecchia volpe di bauman in modernità liquida), richiede spesso una trasversalità tra diverse discipline come uno dei requisiti fondamentali per un progetto che non risulti estraneo alla dimensione umana e che sia un luogo in cui consumare rapporti socio-conviviali; non si tratta solo di teoria perchè anche noi interior designer passiamo alla pratica dando al mondo qualcosa di completo…sono solo delle riflessioni che in questo corso vi invitiamo a fare per immergere e completare le vostre conoscenze e capacità!

buona continuazione e gridaci pure in faccia se senti di non aver capito nulla,
Vittorio

Commento di vittorio




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: